Soluzioni sostenibili per la gestione del ciclo di vita
(LCM) di trasformatori elettrici con oli isolanti

Obblighi e aspetti normativi

normativi
Al di là della IEC 60422 (Ed. 4, 2013) che ricorda di eseguire la prova dei PCB per escludere qualunque tipo di contaminazione durante il ciclo di vita delle apparecchiature, vi sono anche:
  • IEC 61619
    Insulating liquids – Contamination by PCBs. Methods of determination by capillary column Gas chromatography

  • CENELEC CLC/TR 50503 (02/2010)
    Guidelines for the inventory control, management, decontamination and/or disposal of electrical equipment and insulating liquids containing PCBs

  • Brochure CIGRE n. 413 (April 2010)
    Insulating oil Regeneration and Dehalogenation

e la Direttiva Europea 96/59 - D.Lgs 209/99smaltimento dei PCB e dei PCT” che definisce fra le altre cose:

  1. cosa si intende per "PCB", cioè PCT + PCBT
  2. cosa si intende per "apparecchio contenente PCB", cioè tutte le apparecchiature che potenzialmente potrebbero contenere PCB a meno che il detentore non sia in grado di dimostrare il contrario attraverso un'analisi.

vi sono poi gli obblighi di inventario, etichettatura, e gli

OBBLIGHI DI DECONTAMINAZIONE/SMALTIMENTO

volume apparecchio concentrazione PCB (mg/kg) scadenza
< 5 dm3 > 50 31 dicembre 2005
< 5 dm3 tra 50 e 500 fine vita operativa
< 5 dm3 > 500 31 dicembre 2010

Dal punto di vista normativo quindi ad oggi:

  • non dovrebbero esserci più trasformatori contaminati oltre i 500 mg/kg
  • tutti i trasformatori contenenti PCB tra i 50 e i 500 mg/kg, utilizzabili purchè in buono stato funzionale, dovrebbero risultare completamente ad inventario nazionale.


ATTENZIONE: “in buono stato funzionale”.
D.Lgs 209/99 art. 5 comma 4
I trasformatori (contaminati tra 50 e 500 mg/kg) possono essere utilizzati in attesa di essere decontaminati o smaltiti solo se in buono stato funzionale, non presentano perdite di fluidi ed i PCB in essi contenuti sono conformi alle norme od alle specifiche tecniche relative alla qualità dielettrica
Prestare quindi la massima attenzione innanzitutto:

  • alla frequenza dei controlli diagnostici del fluido dielettrico,
  • ai parametri oggetto di tali controlli
  • all’evoluzione di tali parametri nel tempo;
  • alle condizioni ispettive del trasformatore;
  • al valore di PCB misurato (alla data, alla metologie utilizzata ed all’accuratezza di tale valore)

Quali sono le diverse tecniche di eliminazione/decontaminazione dei PCB presenti negli oli dei trasformatori ed altre apparecchiature elettriche?

Qual è la migliore tecnica disponibile per la decontaminazione degli oli nei trasformatori in esercizio e a fine vita?